Penne radicchio e stracchino

Ciao a tutti!
Dopo un lungo periodo di latitanza, tra vacanze estive( a proposito, è stata una bella estate?), sono tornata con una piccola novità: sono a dieta, finalmente è scattato quel click nella mia testa che mi ha portata a decidere di perdere 27 kg!
Sono seguita da un dietologo e ho un regime calorico di 1300 kcal giornaliere... sembrano tante, ma è il minimo per non mandare in carestia il nostro organismo.
Sto muovendomi tanto( cammino e faccio allenamento grazie al programma Walk at home di Leslie Sansone e tento di arrivare ai 25 minuti del programma di Shaun T., quello più leggero. Seguo anche Fabio Inka, e il suo Impacto training. Tutti i loro video sono su youtube)


Questa ricetta nasce dall'esigenza di rendere gustosi i miei 60 grammi di pasta, sfruttando anche gli alimenti in scadenza in frigorifero.
A me non è dispiaciuto, questo piatto... anche se, potendolo fare, avrei preferito sostituire allo stracchino del cremoso gorgonzola o del quartirolo, ed avrei aggiunto qualche noce sminuzzata.

60 gr pasta formato penne
1 confezione di stracchino Granarolo” ora puoi” da 80 grammi
Radicchio, cipolle e caroterei un totale di 200 grammi
Un cucchiaio d’olio, sale, pepe

Ho scaldato l’olio ed aggiunto la cipolla, unendo dopo pochi minuti un po’ d’acqua. Ho lasciato che la cipolla ammorbidisse, l’ho messa da parte ed ho aggiunto carote a Julia e e radicchio a pezzetti. Ho cotto le verdure e spento il fuoco.
Nel frattempo, ho cotto la pasta in abbondante acqua bollente salata.
Ho aggiunto alla salsa di verdure un mestolo d’acqua della pasta, acceso il fuoco e aggiunto lo stracchino, precedentemente ammorbidito con un cucchiaio di latte e condito con sale e pepe. Ho scolato la pasta e l’ho rigirata nel condimento.


Commenti

  1. Ottima ricetta, Luisa. Ti faccio tanti auguri affinché il tuo progetto-salute si realizzi. Bravissima!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato/a di qui! I commenti sono in moderazione perchè è così bello, per me, leggerli( sia quelli belli, che le critiche costruttive), che non voglio correre il rischio di perdermene anche solo uno!
Non esiste censura, in questo blog, ma sono costretta- data: 1 dicembre 2011- alla decisione di non pubblicare commenti anonimi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni!

Post popolari in questo blog

Pasta e patate sfritta

Io mi alimento

Frittelle della mamma di Maria Letizia