Pitta di patate salentina

Ricetta spannometrica, perché di tradizione familiare: mia nonna Lucia era, sí, nata in Basilicata, ma perché si trovava lí casualmente, la sua famiglia, in visita a parenti. In realtà, le origini di nonna sono salentine( San Pancrazio salentino). Un piatto che spesso, arrivando in Salento d'estate, trovavamo come piatto di benvenuto a casa dei parenti( oltre ai pizzarieddhi, pasta fresca fatta in casa- misto orecchiette e fusilli corti-) era proprio la pitta di patate.
La preparazione é abbastanza semplice: tutto sta nel cuocere in acqua bollente una certa quantitá di patate, scolarle e passarle allo schiacciapatate. Una volta schiacciate, bisogna condirle con abbondante pecorino grattugiato e 2 uova. Nel frattempo, si prepara un sugo di cipolla e pomodoro, rosolando in olio e acqua tre belle cipolle e, quando saranno morbide ma non colorite, si aggiunge olio e polpa di pomodoro, sale, pepe. Si porta ad una certa densitá il sugo e si divide in due l'impasto di patate uova e pecorino. A questo punto, si distribuisce il sugo su metá impasto, si completa con olive e capperi e, volendo, alici sott'olio( io, no). A piacere si possono aggiungere pinoli. Si copre col rimanente impasto e si inforna a 180° per mezz'ora. É un piatto da mangiare tiepido o freddo, mai bollente.

Commenti

  1. Sembra una ricetta molto gustosa e solo a guardare la foto viene l'acquolina in bocca :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato/a di qui! I commenti sono in moderazione perchè è così bello, per me, leggerli( sia quelli belli, che le critiche costruttive), che non voglio correre il rischio di perdermene anche solo uno!
Non esiste censura, in questo blog, ma sono costretta- data: 1 dicembre 2011- alla decisione di non pubblicare commenti anonimi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni!

Post popolari in questo blog

Pasta e patate sfritta

Io mi alimento

Frittelle della mamma di Maria Letizia