Chi ha incastrato Roger Rabbit?

:-)))) no, no, non volevo parlarvi del film di qualche anno fa, ma solo raccontarvi delle preparazioni di ieri, tutte a base di coniglio!
Antefatto: mi telefona mia suocera:" Lu, ammazzo un coniglio, ne vuoi mezzo? E' leggero ed ipocalorico!"
Come dirle di no? :-)
Detto fatto, Vito è tornato a casa con questi pezzi di coniglio ed io, che sto incominciando a fare la formichina per il periodo in cui sarò in clinica, ho pensato di cucinarlo tutto e poi congelarlo.
Ho preparato:
- brodo di coniglio( buono, e meno grasso di quello di pollo)
- coniglio in sguazèt ( ricetta di Bruna Cipriani, lievemente modificata per renderla light)
- coniglio al forno con patate ed olive( per la cena di ieri)
- ragù di coniglio( ricetta di Marina, leggermente modificata secondo i nostri gusti)

Per il brodo di coniglio, mi sono limitata a porre in una pentola qualche pezzo con più ossa in acqua fredda, verdure, rosmarino, chiodi di garofano, bacche di ginepro. Ho lasciato cuocere finchè il liquido s'è ridotto della metà.


Per quanto riguarda il coniglio in sguazèt, vi copio la ricetta di Bruna e poi, più in basso, vi descrivo le mie modifiche:
" Mettere a bagno per una notte, nel latte, 2 kg di coniglio a pezzi, scolarlo, lavarlo ed asciugarlo e poi rosolarlo con lardo ed olio in un coccio od una teglia od un lavécc. Preparare un battuto di cipolla, sedano, rosmarino, aglio e salvia ed aggiungerlo al coniglio. Far rosolare lentamente, poi salare, versare vino bianco portato precedentemente a bollore ed infornare a 180° per un'ora.
A fine cottura, unire prezzemolo e succo di limone."
Le mie modifiche: ho tenuto a bagno due ore in acqua ed aceto di mele il coniglio, l'ho lavato ed asciugato, dopo di che l'ho messo in una padella in ceramica( quelle nere della Bialetti vanno anche in forno, ad una temperatura massima di 200°) con un cucchiaio d'olio, carota, sedano, cipolla, salvia, rosmarino, aglio e due mestoli di brodo di coniglio. Ho lasciato rosolare a fuoco lento, ho salato ed unito il vino bianco. Ho infornato un'ora a 180° ed ho irrorato con succo di limone appena fuori dal forno.
Ne ho assaggiato un pezzettino: strabuonissimo!!!!!!!!!!

in cottura

Coniglio al forno con patate ed olive: ho semplicemente messo in una teglia qualche pezzo di coniglio, alcune olive, due patate piccole a tocchetti. Un giro d'olio( 1 cucchiaio e 1 cucchiaino) e in forno a 200° per un'ora.


Ragù di coniglio( da una lezione seguita da Marina alla Scuola alberghiera, con mie sostanziali modifiche): ho preparato un soffritto( per modo di dire: 1 c.no olio e brodo di coniglio) di carota, sedano, cipolla, rosmarino, salvia, aglio e prezzemolo tritati grossolanamente, poi vi ho cotto della polpa di coniglio e, dopo circa 20 minuti, l'ho passata nel tritatutto del Braun, dando qualche impuso in modo da non ottenere un vero trito, ma polpa minuta. Ho riposto sul fuoco, ho aggiunto un mestolino( troppo!) di polpa Mutti ed ho continuato la cottura, unendo brodo di coniglio.

Commenti

  1. Uèèè, ma che robina...sai che mia madre faceva un coniglio con le olive da sballo, ma senza patate... Mhhh.. devo ritrovarla quella ricetta!

    RispondiElimina
  2. oh mamma, io il coniglio proprio nn riesco...

    RispondiElimina
  3. wow..mi piace in tutti i modiiiiiiiiiiii!! bravissima!

    RispondiElimina
  4. e brava!!!!hai fatto la moltipilicazione del coniglio!!!!

    RispondiElimina
  5. io adoro il coniglio! mi piace moltissimo e infatti domanio posto anche io il coniglio!bacioni e complimenti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato/a di qui! I commenti sono in moderazione perchè è così bello, per me, leggerli( sia quelli belli, che le critiche costruttive), che non voglio correre il rischio di perdermene anche solo uno!
Non esiste censura, in questo blog, ma sono costretta- data: 1 dicembre 2011- alla decisione di non pubblicare commenti anonimi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni!

Post popolari in questo blog

Pasta e patate sfritta

Io mi alimento

Frittelle della mamma di Maria Letizia