Pasta al forno ai formaggi

#pastificiodimartino #pastadigragnanoigp #pastificodimartino #mezzanitagliatirigati #besciamella #nocemoscata

Per riproporre un goloso piatto di pasta al forno dal blog profumodilimoni.com, ho scelto i maccheroni( non avendo in casa le mezze maniche rigate).
La pasta ai formaggi è uno dei miei piatti preferiti: morbida cremosità, sapore pieno, è decisamente, insieme alle patate e polpettine in brodo, e agli gnocchi di semolino di nonna Lucia buonanima, uno dei miei tre piatti coccola.
Quando ho visto la ricetta della pasta al forno ai formaggi di Valentina, vincitrice  del Contest di cuocicucidici, mi è venuta, come diceva Mario da piccolissimo, l’aNGUillina in bocca, e detto fatto me la sono preparata: qui ieri c’è stato un tirribilio, strade allagate, grandine, un fiume vicino Taormina ha straripato e la strada per l’ospedale di Taormina stessa, che è il più vicino a Giarre, è impraticabile... mi serviva proprio, qualcosa di ustionante e consolatorio!

La ricetta di Valentina è molto diversa dalla mia, che adopero gorgonzola e fior di latte, misti a besciamella di ricotta, per la pasta ai formaggi, ma sinceramente, dopo averla preparata secondo la ricetta, senza cambiare nulla, preferisco la sua: pochi pasticciamenti, per un risultato di indubbio gusto.

 Eccovi proporzioni e procedimento. Ed un suggerimento: fate la dose intera, non ve ne pentirete!

Per la besciamella non densa, anzi, piuttosto lenta:
750 gr latte intero
50 gr burro
45 gr farina
Sale, noce moscata in quantità

Altri ingredienti:
300 gr mezze maniche rigate, ma io ho usato maccheroni
Totale di 500 gr formaggi a piacere, ma ho preferito seguire la ricetta, quindi ho adoperato: 200 gr fontina, 200 gr asiago fresco, 100 gr scamorza affumicata, tutto a dadini minuti o tritati
Circa 70 grammi Parmigiano grattugiato

Preparare la besciamella( solito modo: roux burro e farina, poi latte, sale e abbondante noce moscata),  e unirvi i formaggi, lasciarli fondere e versare tutto il composto in una ciotola capiente, eccetto un bicchiere colmo.
Nel frattempo, portare a mezza cottura la pasta in acqua bollente salata e, dopo averla scolata, versarla nella ciotola con il condimento. Rigirare bene, unendo due belle manciate di Parmigiano, poi versare un una teglia di vetro o di ceramica come nel mio caso: essendo cattivi conduttori di temperatura, la pasta resterà cremosa all’interno e non seccherà.
Livellare col dorso di un cucchiaio, aggiungere il composto messo da parte e cospargere con qualche altro dadini di formaggio, e Parmigiano a pioggia. Cuocere a 190 gradi finchè la superficie sarà evidentemente gratinata( circa mezz’ora)







Commenti

  1. E che meraviglia che ti è venuta, la scioglievolezza si vede tutta pure in questa foto tutta illuminata da formaggi e gratin. La adoro questa pasta e ti ringrazio di aver voluto lasciare la ricetta nella composizione dei formaggi tal quale... invece mi sa che io proverò la tua versione col gorgonzola, perché io sento la parola gorgonzola, e salivo come i cani di Pavlov.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, di cuore! Ogni tua ricetta riesce bene! ... e se davvero provassi quella al gorgonzola, mi farebbe davvero piacere sapere cosa ne pensi. Buon fine settimana!

      Elimina
  2. HAi fatto proprio una gustosa Mac&Cheese all'Italiana, brava!!! Buonissima gironata cara Luisa, grande conoscitrici orma del blog di Valentina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavia, sì, era davvero una bontà e conto di farla prestissimo! Il blog di Valentina nasconde tesori :)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato/a di qui! I commenti sono in moderazione perchè è così bello, per me, leggerli( sia quelli belli, che le critiche costruttive), che non voglio correre il rischio di perdermene anche solo uno!
Non esiste censura, in questo blog, ma sono costretta- data: 1 dicembre 2011- alla decisione di non pubblicare commenti anonimi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni!

Post popolari in questo blog

Pasta e patate sfritta

Io mi alimento

Frittelle della mamma di Maria Letizia