Io mi alimento



Modifico questo post subito dopo aver letto, da Dida e Gaia, dell'iniziativa di Bussola.
Avendo sofferto di disturbi del comportamento alimentare che mi hanno portata al peso massimo di 127.800 Kg ( per un'altezza di 157 cm), sono ovviamente molto sensibile al problema.
Il mio contributo forse sarà un po' fuori tema, ma ho deciso di comunicarvi che presto ( non so ancora quando, dovrò prima finire le indagini pre-operatorie) mi sottoporrò ad un intervento che si chiama sleeve gastrectomy.
La sleeve gastrectomy ( gastrectomia verticale "a manica") è una delle tante operazioni chirurgiche bariatriche ( chirurgia dell'obesità) rivolte a persone con un BMI ( o Indice di massa Corporea) pari o superiore a 40.
Tanto per farvi un esempio, il mio BMI è 51.
L'intervento a cui mi sottoporrò, rischioso come tutti gli intervent di chirurgia bariatrica, è tra i MENO pericolosi esistenti: si tratta sostanzialmente di una gastrorestrizione.
Sul sito del chirurgo che mi opererà, il professor Luigi Angrisani, potrete trovare anche tutte le altre possibilità chirurgiche.
Quello che mi preme dirvi, però, è che la chirurgia bariatrica NON è una scorciatoia.
E ve lo comunico perchè, fino a poco tempo fa, io stessa affermavo con convinzione" si dimagrisce seguendo una corretta alimentazione, andando dal dietologo, facendo sport" ( anche se io per prima non seguivo le mie stesse parole).
Ora, ovvero da quando ho deciso di farmi operare, ho capito che si giunge all'intervento per disperazione ( nel mio caso, la molla è scattata quando, per la prima volta nella mia vita, un paio di mesi fa mi sono resa conto di affaticarmi anche solo passeggiando per poco tempo), e si avverte un senso di fallimento ( " non sono capace nmmeno di seguire da sola una dieta").
Per la verità, la dieta ( pre-intervento) sto riuscendo a seguirla, e so che è solo, davvero, il primissimo passo: dal giorno stesso in cui "subirò" ( scritto tra apici perchè è una mia libera scelta) l'intervento, sarò "costretta" ( vedi sopra) ad alimentarmi prima attraverso flebo, poi passerò a dieta liquida, poi a dieta semiliquida, poi a dieta semisolida, poi a dieta solida ( ma DIETA= 1000 calorie).. e , per tutta la vita,. dovrò ricordarmi di NON BERE duirante i pasti, e nemmeno 30 minuti prima o dopo dei pasti. E dovrò ricordarmi di masticare 30 volte ciascun boccone. E, ancora, potrei avere dei disturbi anche seri.
Insomma, ricorrere alla chirurgia per dimagrire non è una scorciatoia!

Detto tutto questo, ecco il mio contributo: due ricette di pollo, semplici ma buone.


petto di pollo all'arancia
Quando ero ancora una giovane studentessa universitaria, mi divertivo ad inventare ricette strambe che, però, riscuotevano un notevole successo tra gli amici. Questa è una di quelle. E' semplicissima: basta spremere 4 o 5 arance, versare il succo in una padella preferibilmente antiaderente e portarlo a bollore. A quel punto, si versa nel succo del petto di pollo a cubetti, si sala e si aggiunge un pochino d'olio( per la dieta, ne ho aggiunti 2 c.ni, ma un cucchiaio sarebbe la dose perfetta), semi di coriandolo e si lascia cuocere finchè il sughino risulterà caramellato. Si serve con riso pilaf a parte, ma è buonissimo anche da solo.

petto di pollo al curry di FrancescaV
Questa ricetta, invece, l'ho trovata sul bellissimo blog di FrancescaV.
L'ho leggermente modificata, rosolando cipolla rossa in 2 c.ni olio, unendo poi peperoncino piccante e un cucchiaio raso di curry indiano e, successivamente, 250 g yogurt bianco magro( che ha formato grumi, ma il pollo era buonissimo lo stesso!)e poco sale. Ho lasciato che l'acqua contenuta nello yogurt evaporasse, per cui nessuna cremina.. eppure era squisito, provare per credere! Ho servito su riso bollito.

Commenti

  1. Ciao Luisa.... non vedo nessun post, forse c'è qualche problema!!!!

    RispondiElimina
  2. davvero intriganti queste preparazioni :)

    RispondiElimina
  3. niente da dire se non che sono veramente appetitose, soprattutto la prima di tua invenzione...un bacio

    RispondiElimina
  4. @ Susy, grazie, ho sistemato!
    @ Mirtilla, ma grazie! :-)
    @ Elena, un bacio anche a te ;-)

    RispondiElimina
  5. MMMMM luisa, mi piace tanto questa ricetta!
    La segno
    baci

    RispondiElimina
  6. grazie Gaia! :-) Un abbraccio mega!

    RispondiElimina
  7. grazie luisa..... sei stata spettacolare..... non è facile raccontare tanto... ma il fatto che tu lo abbia fatto penso sia il primo passo per dire che stai affrontando il problema....
    mi sono legata al tuo blog..... mi raccomando fammi sapere come è andata l'operazione
    un grosso in bocca al lupo....

    RispondiElimina
  8. Luisa, sei stata molto coraggiosa e gentile a dare questo contributo, grazie :)

    RispondiElimina
  9. @ Bussola: grazie a te, è importante parlare di questi argomenti, soprattutto visto il prolificare dei siti pro-ANA.
    Crepi il lupo! :-)

    @ Grazie a te, Giulia :-)

    RispondiElimina
  10. cara Luisa ti ammiro molto per il coraggio che hai nel raccontare il problema e sopratutto per la decisione di operarti!!!io sono quasi alle tue stesse condizioni...ma non riesco a seguire uno straccio di dieta sapendo che è per il mio bene!!!mi sto rovinando e non prendo in mano la situazione, non ci riesco è mai possibile? un bacio Tittina

    RispondiElimina
  11. Ciao Luisa, leggo solo ora dell'operazione...
    In groppa al riccio cara allora! ^_*

    RispondiElimina
  12. @ Carissima Tittina, il fatto stesso che tu ammetta di avere un problema è già un passo avanti verso la soluzione del problema stesso, sai?
    Ora non ti resta che maturare una scelta, una qualunque, non importa quale ( dieta, psicoterapia in un centro per i DCA, intervento chirurgico), e portarla avanti.
    Io sono qui, se occorresse.
    Un abbraccio grande e solidale.
    Lu

    @ Gaia tesoro, ma povero riccetto!!!!! L'ammazzerei se gli saltassi in groppa! :D :D :D

    RispondiElimina
  13. Ciao Luisa vedo che hai risolto il problema dei post, mi fa piacere di esserti stata d'aiuto comunicandoti la notiza!
    Ero a conoscenza di questa tua possibile operazione leggendo uno dei tuoi ultimi post, sei coraggiosa ad affrontarla e comunicare il tuo disagio per il peso.
    E' una scelta difficile da prendere, ma in alcuni casi penso che sia risolutivo operarsi!
    Anch'io ho parecchi chili da perdere, sempre a dieta o quasi, ma alla prima crisi crollo e lascio perdere.... deve scattare la "molla" giusta per farcela davvero.
    In bocca al lupo per l'operazione....fammi sapere tramite post o email... ti operi al Policlino di Napoli?
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  14. @ Susy, grazie ancora per la segnalazione!
    Dovrei essere operata al San Giovanni Bosco ( insomma, il Nuovo Pellegrini), visto che il Prof Angrisani è il Direttore dell'UOC di Chirurgia Laparoscopica e Mini-invasiva in quell'ospedale.
    Per ora, sto facendo la trottola per gli accertamenti: ieri l'altro ecografie varie (addome completo) e radiografie (torace e poi esofago-stomaco-duodeno con doppio contrasto.. non ti dico che schifo, tra Bario da bere e polverina da mandar giù); ieri, invece, ecografia cardiaca, ecocolordoppler carotidi, ECG ed ECG con prova da sforzo..
    Per fortuna, almeno per ora, tuitto bene, tranne la "normale"( per i grandi obesi) steatosi epatica e la milza ai limiti alti della norma.
    Grazie per l'interessamento, baci
    Luisa

    RispondiElimina
  15. Mitica!!!!! ahahahahahhaha sei troppo forte ^_______^

    RispondiElimina
  16. LUisa dai un pò di pazienza per gli accertamenti ma servono per il tuo obiettivo.
    Dai che adesso il bario è "buono" rispetto a parecchi anni fa, anch'io l'ho preso l'anno scorso per la tua stessa radiografia.
    La steatosi epatica è una cosa comune a noi grassi, il fegato vuole un pò di "ciccia anche lui :))), per questo ogni tanto prendo delle bustine con le quali mi trovo molto bene
    a presto.... un abbracci

    RispondiElimina
  17. Ma sì, Susy.. anzi, devo dire che, secondo l'ecografista, la steatosi è "normale" anche rispetto a parametri meno alti.. Insomma, un po' di grasso nel fegato lo abbiamo tutti (o quasi) ;D
    Un abbraccione a te, e grazie per l'incoraggiamento.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato/a di qui! I commenti sono in moderazione perchè è così bello, per me, leggerli( sia quelli belli, che le critiche costruttive), che non voglio correre il rischio di perdermene anche solo uno!
Non esiste censura, in questo blog, ma sono costretta- data: 1 dicembre 2011- alla decisione di non pubblicare commenti anonimi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni!

Post popolari in questo blog

Pasta e patate sfritta

Frittelle della mamma di Maria Letizia