Cena per il contest di Danita


La scorsa settimana, è stata qui la mia amica Lorella, ed ho deciso di ripostare la cena che ho organizzato in suo onore.
Con questa cena, partecipo al Contest di Danita.

Blue Stilton con fichi caramellati, accompagnato da Aglianico da campi Taurasini

L'antipasto: parmigiana di zucchine, polpette di carote, polpette con uvetta e pinoli, due crackers piccini ai funghi porcini( comprati, molto buoni). Abbiamo bevuto un Prosecco Fontanafredda per accompagnare.

mozzarella di bufala della Piana del Sele con caponata vastasa di carciofi

arrosto di manzo con sale alle erbe di Romagna accompagnato da peperoni rossi in agrodolce, rotolino di maiale di cinta senese accompagnato da confettura piccante ai frutti di bosco( regalatami da Annamaria Romano in agosto). Entrambe le carni troppo sapide, ma buone.

il dessert: avevo preparato una fragolata, ed ho mandato al gelataio di fiducia le mie coppe da gelato, chiedendogli di completare con gelato fiordilatte, topping cioccolatoso granella di nocciole, panna ed amarene.

Ecco le ricette:
- Parmigiana di zucchine: zucchine affettate a spezzore non troppo sottile, passate in uova sbattute con sale, pepe, Parmigiano grattugiato e fritte, poi montate in teglia con una salsa di pomodoro fresco al basilico e sale, fiordilatte( mozzarella di mucca) a dadini, Parmigiano e poi passato in forno per far formare la crosticina.

- Polpette di carote: Ho lessato le carote due giorni prima di impastare le polpette, le ho lasciate una notte nello scolapasta a sgocciolare bene. Il giorno successivo, le ho tritate grossolanamente nel bicchiere del minipimer, azionando a scatti il frullatore( non deve diventare una purea), poi ho chiuso in un canovaccio ed ho lasciato asciugare ancora. Il terzo giorno, ho impastato le carote con pane secco bagnato nell'acqua e ben strizzato, ho aggiunto pecorino abbondante, pepe ed uova, poi ho formato delle polpette grandi poco meno di una noce ed ho fritto.
Per completezza, devo dire che vi è un secondo metodo per preparare quelle che, qui in paese, si chiamano 'e purpette 'e pastenaca: si possono tritare le carote da crude, impastarle come per le prime e friggerle( tutto in un sol giorno), ma ci tenevo a far assaggiare quelle tradizionali.

- Polpette con uvetta e pinoli: 200 g pane ammollato nel latte, 100 g maiale macinato ( magro con un po' di grasso), 1 o 2 uova ( a seconda di quanto ne prende), una manciata di pecorino, pepe, un pugno di uvetta ammollata 30 minuti in acqua tiepida e poi ben strizzata, 1 bustina di pinoli
Amalgamare tutto, formare delle polpette davvero molto piccole ( delle dimensioni di una nocciola) e friggerlein olio profondo.
Se volete, potete provare il mio metodo per evitare le fritture: precuocio in forno a 170° per 5 minuti le polpette, poi le salto in padella con un filo d'olio.


- Caponata vastasa di carciofi di Mimma, la suocera della mia amica Memmea: Tagliare a pezzetti( io, fettine) sei bei carciofi e porli a bagno in acqua fredda e due cucchiai di farina per una mezz'ora.
Piccola nota: il trucchetto della farina, che serve a far mantenere i carciofi verdissimi, l'ho appreso da Cinzietta, che lo pubblicò tempo fa su Coquinaria.
Tornando alla ricetta: sciacquare, strizzare ed asciugare i carciofi, e porli in una padella con olio e sedano a pezzetti. Cuocere coperto e poi scoprire per lasciar dorare i carciofi.
Mettere da parte le verdure e, nella stessa padella, versare mezza cipolla a dadini. Dopo averla lasciata rosolare, aggiungere capperi, olive verdi, passolina e pinoli.
Aggiungere, poi, mezza bottiglia di passata di pomodoro e due cucchiai d'olio( CUCCHIAI, non cucchiaini, fidatevi!) e lasciar restringere, dopo di che unire meno di mezzo bicchiere di aceto di vino bianco( io ho versato l'aceto da un bicchierino da caffè in plastica, colmo).
Dopo che l'aceto sarà evaporato, aggiungere i carciofi, lasciar insaporire.
La caponata si mangia rigorosamente fredda!


- Arrosto di manzo con sale alle erbe di Romagna ( di Annamaria Romano di Coquinaria.it). Copio la ricetta così come me l'ha proposta:
"1 kg circa di filetto di manzo,legato e bardato con tanto rosmarino e salvia
il succo di 1/2 limone
olio abbondante
salamoia bolognese( se non ce l'hai te la prepari:sale grosso,rosmarino,aglio-il tutto frullato.Lo conservi in un barattolo di vetro e lo usi come insaporitore per tante cose:verdure,carni di di pollo o tacchino eccetera)
Lasciare ad insaporire alcune ore il filetto con tutti gli ingredienti in una pirofila,girandolo di tanto in tanto.Senza più toccarlo infornarlo a 220°per 20 minuti,coperto con coperchio a buona tenuta,ma non con carta argento ,poi girarlo ,rimetterlo in forno altri 20 minuti,sempre coperto,poi ,spento il forno, lasciarlo dentro per circa 15 minuti.Trascorso questo tempo tirarlo fuori e lasciarlo nella pirofila fino al momento di servire, per me è stato più o meno per un'ora,quindi tagliarlo a fette abbastanza spesse e servirlo con il sughetto abbondante che si è formato in cottura. "


- Peperoni rossi in agrodolce: ho fritto i peperoni rossi a falde sottili, poi ho cosparso con un cucchiaio di zucchero e mezzo bicchiere di aceto di vino bianco ed ho portato a cottura.

- Rotolino di maiale di cinta senese: semplicemente, ho arrotolato delle strisce di pancetta di maialino di cinta senese e, dopo averle fermate con uno spiedino, le ho cotte in padella con olio, cipolla, poco peperoncino, 1 lattina di birra scura( Guinness)

- Fragolata con gelato: ho preparato le fragole con zucchero e limone, poi ho mandato mio marito dal nostro gelataio di fiducia con le coppe, e lui le ha riempite con gelato fiordilatte, topping, granella, panna e amarene.

Commenti

  1. Ciao Luisa, questi piatti sono fantastici!!! Però non va bene per il contest, il tema deve essere chiaro: l'ambientazione della cena, non solo i piatti :-(. La cena deve essere vista nel suo insieme, si deve vedere che è una cena, quindi la tavola imbandita e i piatti fotografati, uno per uno, ma nella tavola :-(
    Mi dispiace :-(

    RispondiElimina
  2. ok! :-)
    Non preoccuparti, baci!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato/a di qui! I commenti sono in moderazione perchè è così bello, per me, leggerli( sia quelli belli, che le critiche costruttive), che non voglio correre il rischio di perdermene anche solo uno!
Non esiste censura, in questo blog, ma sono costretta- data: 1 dicembre 2011- alla decisione di non pubblicare commenti anonimi. Abbiate il coraggio delle vostre azioni!

Post popolari in questo blog

Pasta e patate sfritta

Io mi alimento

Frittelle della mamma di Maria Letizia